Troppi siti web sono orientati a essere “il miglior sito per l’utente medio”. Ciò significa che non esiste personalizzazione. Noi facciamo in modo che ogni sito possa capire ciò che ogni singolo utente desidera“. Andy Owen-Jones co-fondatore e CEO di bd4travel.

Bd4travel: la start-up

E’ una start up tedesca che offre soluzioni IT innovative per il targeting dei Clienti del settore viaggi e che ha già registrato un giro d’affari di di 4,2 milioni dollari. Si tratta di una “piattaforma di analisi” che consente alle aziende di viaggi online di personalizzare l’esperienza dei visitatori del proprio sito, sulla base di una serie di dati.

L’innovazione

Consiste nella personalizzazione della navigazione per offrire percorsi e servizi ritagliati sulle esigenze del singolo cliente. In questo modo si cambia la customer experience e si arriva ad offrire a ogni cliente un percorso ad hoc, basato sulle sue abitudini, preferenze e possibilità.

L’analisi dei big data

Riflettendo sul successo che sta ottenendo bd4travel, sotto la guida di Owen-Jones, è facile comprendere come l’analisi dei big data finalizzata alla creazione di servizi personalizzati sia una strada che aziende come Facebook, Twitter, Amazon, Google (anche attraverso YouTube) stanno già percorrendo da anni. Si pensi, per esempio, a come Google proponga pubblicità e percorsi di ricerca mirati e influenzati dalle nostre attività passate sul motore di ricerca.  L’analisi dei big data è, quindi fondamentale per procedere con il processo di personalizzazione dei servizi.

L’algoritmo di bd4travel si basa principalmente su:

  • Quali parole chiave si usano per atterrare sul sito
  • Pagine visitate
  • Preferenze di location
  • Date di viaggio
  • Fascia di prezzo
  • Il numero di persone che viaggiano insieme

Bd4travel ha dimostrato come considerare questi dati e personalizzare le ricerche, aumenti le probabilità di concludere con una vendita.

In che modo bd4travel interviene nella personalizzazione?

Bd4travel usa questi dati per personalizzare la navigazione di ogni visitatore. Per esempio, se si clicca in precedenza più volte su una determinata fascia di prezzo per il mese di agosto, si visualizzano determinati risultati nella prima schermata della navigazione.
Inoltre l’azienda interviene anche con finestre pop-up nel percorso del cliente (con sconti od offerte esclusive su misura) se gli algoritmi individuano la possibilità che questo lasci il sito senza effettuare una prenotazione.