L’angel investing non va in vacanza. Alla fine di giugno si è tenuta a Milano la XVI Convention dell’Associazione IBAN – Italian Business Angels Network, dedicata quest’anno al tema “Dall’Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels – Evidenze empiriche e buone pratiche a beneficio della realtà italiana”.

 

Un segnale positivo per la ripresa

Oltre a essere stata l’occasione per consegnare il premio Business Angel of the Year 2015, nel corso dell’evento sono stati presentati i dati del report annuale condotto dall’Associazione sull’andamento del settore dell’angel investing in Italia.

L’indagine svolta su base volontaria ha visto la partecipazione di quasi 300 investitori e ha restituito un quadro piuttosto incoraggiante: anticipato da un anno non particolarmente entusiasmante, il 2014 ha visto invece una crescita del 45% degli investimenti, per un totale di 135 operazioni finanziate con 46 milioni di euro.

Secondo il Presidente di IBAN Paolo Anselmo, il risultato è in parte frutto delle norme introdotte recentemente che incentivano gli investimenti nelle startup ed è un segnale particolarmente positivo per la ripresa dell’economia italiana: “sommato al numero sempre crescente di imprese innovative registrate dal MISE, fotografa un sistema in fermento e, speriamo, pronto a fare il salto di qualità per contribuire alla crescita e al rinnovamento del Paese”.

 

Lo stato dell’angel investing nel 2014

Gli oltre 180 posti di lavoro creati nelle neonate imprese, soprattutto al centro-nord, sembrano confermare la posizione del Presidente di IBAN. Protagonisti di quest’inversione di tendenza sono stati in particolare i settori dell’ICT, del terziario avanzato e commercio e della distribuzione.

Altro fenomeno interessante del 2014 è stata la diffusione di logiche di networking e compartecipazione tra i business angel, che ha portato gli investitori a unirsi in cordate per aumentare l’apporto finanziario riducendo al tempo stesso il rischio. A fronte di un numero complessivo di operazioni inferiore rispetto all’anno precedente, è infatti aumentato di tre volte l’investimento medio, arrivando a toccare quota 351 mila euro.

L’uscita dei business angel dalle startup rimane invece una questione che richiede ancora attenzione: il tempo medio per arrivare oggi a una exit è infatti di 3 anni e 3 mesi e si conclude in genere con una vendita a altri investitori o al team imprenditoriale. In linea con questo trend, durante il 2014 solo il 4% del campione oggetto dell’indagine di IBAN ha portato a termine un disinvestimento, prevalentemente nel settore delle energie rinnovabili seguito da quello sanitario e delle apparecchiature medicali, mentre le attività cessate rappresentano il 20%.

 

Chi sono i business angel italiani

Qual è il profilo dei business angel italiani? Imprenditori con un passato da manager, gli investitori in Italia hanno tipicamente tra i 30 e i 50 anni e una laurea nel cassetto. Affiliati a IBAN, a un BAN territoriale o a un Club di business angel, tendono a investire nelle startup il 10% del proprio patrimonio, che rimane in media inferiore ai 2 milioni di euro.

Oltre all’apporto di risorse finanziare, la maggior parte dei business angel tende anche ad affiancare attivamente le imprese mettendo a disposizione competenze strategiche e contatti per lo sviluppo dell’attività.

Dal report dell’Associazione emergono anche i criteri fondamentali presi in considerazione dagli investitori nel momento di valutare le startup: non solo crescita potenziale del mercato di riferimento e caratteristiche del prodotto o del servizio, ma anche qualità del team imprenditoriale e strategia d’uscita sono gli aspetti chiave da curare per assicurarsi un finanziamento da parte di un investitore.

Ecco l’elenco dei principali gruppi italiani di business angel:

IAG – Italian Angels for Growth
Via Vivaio, 24 – 20122, Milano
Tel. +39 02 76022952

IBAN – Italian Business Angels Network
via Borgonuovo, 5 – 20121, Milano
Tel. +39 02 89011207

BAN TERRITORIALI
Ban Brescia
Via Corfù, 106 – 25124 Brescia
Tel. +39 030 2422111

BAN Veneto
Via della Croce Rossa,112 – 35129 Padova
Tel. +39 049 8697501

BAN Bologna
Via Benedetto XIV, 3 – 40125 Bologna
Tel. +39 051 6598166

BAN Umbria
Via Campo di Marte 9 – 06124 Perugia
Tel. +39 075 5059811

BAN Lazio
Via G. Peroni, 442/444 – 00131 Roma
Tel. +39 06 80368277

BAN Campania
Via Giolitti, 4 – 81031 Avers (CE)
Tel. +39 081 8905794