Fannabee: la piattaforma web e mobile per i collezionisti di musica

Dov’eravate il 17 Giugno? OFF era alla Fiera delle Startup e in questa occasione abbiamo avuto modo di conoscere diverse startup, tra cui Fannabee.

Ci ha colpito molto il baracchino di questa startup, per l’allestimento, i colori e per il fatto che fosse uno dei pochi in cui c’era una ragazza.

Così, presi dalla curiosità, ci siamo avvicinati e abbiamo parlato con Antonella Sinigaglia, la quale ci ha spiegato che cosa facesse la sua startup.

Se siete anche voi un pò curiosi, leggete le risposte che ci ha dato Antonella.

1 Come è nata l’idea di realizzare Fannabee?

La mia è una storia che inizia con una grande passione: quella per l’artista Kylie Minogue e lasua musica. Nel 2002 ho creato la prima community italiana di Kylie Minogue in seguito riconosciuta come ufficiale dalla casa discografica Emi Music.

Oltre che una fan sono soprattutto una collezionista di dischi di Kylie dall’inizio della sua carriera, e ho sempre sentito l’esigenza di condividere il mio hobby con altri collezionisti. Era il periodo delle fanzine e degli ordini fatti ai grandi negozi stranieri tramite posta. Ero ossessionata di scoprire quali fossero le cose più collezionate e da chi.

Così ho immaginato di reinventare il modo di collezionare, rendendolo più facile e divertente. Uno spazio virtuale creato appositamente per coloro che hanno questa passione. Ho immaginato come potesse essere oggi, con l’utilizzo degli smartphone e dei tablets, con tutta la tecnologia a disposizione.

Nel 2004, ho creato il primo software online dedicato ai collezionisti di musica: uno strumento che consentiva ai collezionisti di catalogare tutti i propri dischi e memorabilia.

Oggi grazie all’espansione del mobile tutto questo mondo è racchiuso in Fannabee: il social network per i collezionisti di musica.

2 Qual è il target di riferimento e quale bisogno della clientela avete intenzione di soddisfare?

Il target sono gli appassionati di musica, i collezionisti di musica, i fan degli artisti e gli artisti stessi.

3 Ci descrivi brevemente in cosa consiste Fannabee e qual è il suo business model ?

Fannabee è il social network dei collezionisti di musica. Attraverso l’applicazione mobile e web gli utenti possono catalogare le proprie collezioni musicali (cd, vinili, memorabilia), mostrare le proprie collezioni ad altri fan e mostrare di essere il fan numero 1 attraverso delle azioni specifiche.

Il nostro business model è focalizzato su un’utenza molto targettizzata, generiamo revenue dalle vendite attraverso il marketplace presente sia sull’app che su web. Prendiamo il 7% su ogni transazione effettuata.

4 Che importanza riveste il team nello svolgimento delle vostre attività?

FannabeeIl team attualmente composto da 2 persone più altre 2 esterne che stanno collaborando attivamente, ed è fondamentale. Ognuno di noi riveste un ruolo complementare all’altro ma soprattutto abbiamo competenze dirette nella conoscenza del prodotto.

Io stessa sono una collezionista e allo stesso tempo ricopro il ruolo di community manager del sito ufficiale italiano di Kylie Minogue. Pertanto conosco molto bene i fans, i collezionisti ed i loro bisogni primari. Antonio, Scrum Master, è anche lui un collezionista, seppur di libri, ed è molto preparato circa i processi che coinvolgono l’analisi e la produzione

5 Pensando al futuro, avete in cantiere altre attività per dare ulteriore slancio alla vostra start up?

Intendiamo coinvolgere alcuni partner che operano nel settore della musica e della TV riguardo la promozione del prodotto, mentre intendiamo stringere importanti collaborazioni con gli artisti nazionali e oltreoceano.

 

In bocca al lupo Fannabee !