Innovazione e arredamento nel segno del rispetto ambientale

Il rispetto per l’ambiente parte da casa propria: si chiudono i lavandini per risparmiare acqua, si fa la raccolta differenziata, si mangiano cibi biologici e possibilmente a km 0, ma non sempre si pensa alla provenienza dei propri mobili in legno, causa di deforestazioni selvagge.

Come conciliare arredamento e innovazione?

Abbiamo trovato la soluzione: la start up di una designer turca, Beril Cicek, che ha ideato dei bellissimi mobili fatti a maglia.

Sì avete capito bene, sono proprio cuciti uno per uno, ogni tavolo, sgabello, sedia è un pezzo unico e irripetibile che non richiedo lo sradicamento di molti alberi, poiché viene usato per la maggior parte legno riciclato.

La storia di Beril

Beril (laureata presso l’Interior Design & Environmental Design Department della Bilkent University di Ankara e con un master presso la Scuola Politecnica di Design di Milano) è stata in Islanda e si è innamorata dei motivi geometrici tipici di quelle zone; una volta tornata ha deciso di riproporli su queste opere d’arte funzionali e ispirate all’innovazione.

Allo Stockholm Forniture & Light Fair la designer è stata premiata proprio per l’innovazione apportata al mondo dell’arredamento grazie a questi materiali sostenibili e suggestivi, di grande impatto dal punto di vista estetico.

Vantaggi

Sono molto pratici in caso di trasloco, durante il quale si possono spostare come vere e proprie valige, essendo formati da supporti in legno e piedistalli, ricoperti da contenitori in maglia lavorati a mano.

Possono essere trasportati come bagagli grazie alla loro struttura, formata essenzialmente da piedistalli e supporti in legno e da coperture e contenitori realizzati attraverso un paziente lavoro a maglia.

I meravigliosi disegni dei tessuti sono scelti personalmente dalla Cicek, che ha pensato di creare i supporti in maglia in maniera da poterli rimuovere facilmente rendendo i mobili una sorta di contenitori in grado di cambiare “vestito a maglia” più e più volte.

Le fantasie dei tessuti sono curate da lei stessa nei minimi dettagli. Le coperture realizzate a maglia possono essere facilmente rimosse per poter così smontare le strutture che le sorreggono e che contribuiscono alla creazione dei mobili stessi, che possono essere considerati quasi come dei contenitori trasformabili, in grado di cambiare abito in qualunque momento.

Perché combinare legno e maglia?

Beril Cicek ha scelto maglia e legno per favorire un ritorno alla natura e creare una sensazione piacevole al tatto e alla vista in chi li possiede. Comfort che non rinuncia alla praticità, visto che ogni mobile oltre a essere resistente è anche leggero e maneggevole durante un trasloco, riducendo il “trauma” che una tale esperienza spesso comporta.

Materiali eco-friendly e riciclati

Un’altra particolarità è l’utilizzo sostenibile di materiali riciclati, materiali di scarto utilizzati per piccole parti, come i pomelli costituiti da vecchi bottoni , oppure i lacci delle scarpe usati per i nastri decorativi. Come in una sorta di creativo bricolage, l’assemblaggio crea vere e proprie opere d’arte che riscaldano l’ambiente senza danneggiare il pianeta.