La mappa mentale è una potentissima tecnica di rappresentazione grafica e simbolica che, unendo immaginazione e creatività, consente di strutturare l’informazione, sia quella che si riceve che quella che si trasmette.

Una mindmap è uno strumento per pensare, riflette ciò che avviene all’interno del nostro cervello.

Il processo del pensiero è caotico e confuso. I pensieri non seguono una direzione lineare e logica ma sono il prodotto di circa un milione di processi chimici che avvengono ogni secondo nelle cellule cerebrali (neuroni).

La tecnica delle mappe mentali infatti si basa sulle conoscenze, sulle esperienze e sulle scoperte più recenti relative al cervello umano, alle tecniche di apprendimento veloce, di sviluppo della memoria e della creatività. È in grado di assicurare a chi la applica un uso migliore delle capacità mentali per raggiungere i propri scopi e obiettivi.

Nell’era moderna la teorizzazione e la diffusione delle mappe mentali si deve allo psicologo inglese Tony Buzan che ha scritto numerosi libri sulle tecniche di apprendimento e sulle mappe mentali.
La tecnica per realizzare una mind map consiste in pochi semplici passi:

1. Si parte dall’argomento principale che viene piazzato al centro

2. Si sviluppa la mappa a raggiera, generalmente in senso orairio, attraverso libere associazioni con ramificazioni via via successive

3. Per aumentare le capacità mnemoniche si consiglia di usare colori e icone/immagini
L’impiego le mappe mentali essenzialmente ha due scopi:

1.Creare chiarezza, durante sedute di brainstorming oppure durante il problem solving (per esempio per analizzare e risolvere un problema complesso).

2.Memorizzare, come per esempio quando si legge un libro e si vogliono ancorare alcuni concetti, oppure quando si deve tenere un discorso in pubblico.
Nel primo caso la rappresentazione grafica della mindmap si avvale del potere di gestire facilmente le associazioni tra diversi concetti, cosa che in un outliner (rappresentazione ad albero rovesciato), per la sua struttura gerarchica e rigida, non è possibile.

Nel secondo caso è molto utile impiegare colori, icone ed immagini per evocare emozioni e fissare maggiormente nella mente i concetti.

Per approfondire:

Le mappe del pensiero  http://www.lemappedelpensiero.it
http://www.mind-mapping.co.uk/tony-buzan-biog.htm