Il Made in Italy: la fortuna dell’Italia

“Con l’espressione  inglese Made in Italy, si indica il processo di rivalutazione della produzione artigianale e industriale italiana che ha spesso portato (soprattutto negli anni ottanta) i prodotti italiani ad eccellere nella competizione commerciale internazionale.”

made in ItalyQuesta è la definizione che Wikipedia dà del Made in Italy, che rimane il terzo marchio più conosciuto al mondo ed in effetti atterrando ad Hong Kong la prima pubblicità che si vede è un brand  Italiano oppure sulla fifth avenue quanti sono i negozi italiani?!

Come ricorda Vincenzo Boccia-Presidente Piccola Industria Confindustria- nel suo intervento ad AdottupIl Made in Italy [..] è la fortuna dell’Italia. Perché quando vai nel mondo, il mondo ricco chiede Made in Italy “

Il tessuto industriale e culturale è in grado di creare Valore come pochi al mondo, tuttavia oggi le imprese hanno la necessità di innovare, di esportare il proprio marchio in maniera più efficace in tutti i campi di produzione, incrementando ulteriormente il vantaggio competitivo .

Parliamo solo di moda?

No! “il brand Italia è un brand elevato. Così come il lusso e altro….Chiaramente però questo non è lo stesso dei settori maturi. Altra questione è che non esistono per noi settori maturi e non, esistono aziende innovative in settori maturi e non continua Boccia, descrivendo la situazione italiana.

L’Italia è il secondo paese manifatturiero dell’Unione Europea, ha grande necessità di avere un avanzo nella bilancia commerciale e questo lo si ottiene creando valore e innovando; ad esempio sarebbe interessante creare startup che aiutino le imprese a gestire gli ordini e i rapporti con fornitori attraverso app scaricabili in tutto il mondo, semplificando i processi e i costi oppure lavorare sul food and beverage per una internazionalizzazione migliore.

Inoltre è evidente  che esistano altri settori in cui vi sono ampi margini di crescita come la cultura ,l’arte e il turismo in cui spesso non si investe abbastanza, ma in cui invece si nasconde un’ottima opportunità  di sviluppo e di business innovando nei processi di comunicazione.

L’Italia ha infinite skills ed è rivoluzionaria nel creare bellezza, prodotti e sogni  almeno da 3000 anni per cui non fermiamoci adesso!

Come dice l’Homunculus a Faust- nel Faust di Goethe –  “più del cosa è importante il come” e nel come c’è l’essenza del cosa.