Opportunità offerte dalla realtà aumentata

Le potenzialità di business tramite il canale mobile sono enormi: pensate che nel 2011 si è registrata una flessione del 9,4% nella vendita di cellulari, a fronte di un aumento del 24,7% nella vendita di smartphone, rispetto allo stesso periodo del 2010.

Per questo parliamo oggi delle potenzialità offerte dalla realtà aumentata o augmentedreality.

La realtà aumentata viene definita da Wikipedia come “la sovrapposizione di livelli informativi (elementi virtuali e multimediali, dati geolocalizzati, ecc.) all’esperienza reale di tutti i giorni.

Gli elementi che “aumentano” la realtà possono essere aggiunti attraverso un dispositivo mobile, come un telefonino di ultima generazione, o con l’uso di un pc dotato di webcam”.

Analizziamo due casi di successo, che possono essere assunti ad esempio per qualunque imprenditore o startupper.

Iniziamo da Lyar:

Applicazione per IPhone lanciata da una società olandese, rappresenta a mio avviso il futuro nel modo di concepire il mobile business: Layar è una applicazione gratuita per dispositivi mobili che usa la localizzazione GPS per mostrare uno strato di informazioni n tempo reale sui locali nelle vicinanze, presentati nell’immagine ripresa dalla fotocamera del cellulare (smartphone).

Come funziona?

Se ci si trova in una città nuova, si apre l’applicazione e si guarda il mondo attraverso la fotocamera: si aggiungono poi strati sull’immagine della fotocamera per sovrapporre informazioni su qualsiasi ristorante, club, vendita di immobili, luoghi turistici e di intrattenimento.

Questi ultimi devono ovviamente inviare queste informazioni attraverso dei provider di dati che lavorano su contenuti web specifici. Se cerchiamo un ristorante, apriamo la funzione “Eat”, e puntando la fotocamera in una strada vedremo tutti idati dei ristoranti della zona, con un marker che ne indica la posizione: alcuni ristoranti forniscono anche contenuti in tempo reale, a seconda dell’ora del giorno, offerte e sconti.

I contenuti sono creati ad hoc in funzione dell’utente e del luogo in cui si trova.

Una delle applicazioni più importanti di Layar è stata la creazione del primo portale immobiliare in augmented reality: sul portale si possono visualizzare informazioni su tutte le proprietà in vendita in Olanda, che attirano quasi tre milioni di visitatori unici ogni mese. Guardando una strada attraverso la fotocamera, si può vedere il cartello “vendesi” come un pallino.

Cliccando sul pallino appaiono informazioni come la superficie, prezzo, numero di stanze, ed informazioni di contatto con l’agente immobiliare: STRAORDINARIO!

Si sta addirittura lavorando sugli edifici in costruzione, per consentire al potenziale cliente di vedere, sempre attraverso la fotocamera, il progetto dell’edificio completo osservando solo le fondamenta, o il terreno, o il rustico dell’edificio. La struttura sovrapposta sarà in 3D.

Guardate questi due video:

Layar, worlds first mobile Augmented Reality browser

Layar – Impactful Augmented Reality in Your Everyday Life

 

Parliamo ora del caso Tesco:

Vi riporto per intero un articolo tratto dal Sole 24 Ore: “Tesco Homeplus ha lanciato una nuova tipologia di virtualstore nelle stazioni della metropolitana in Corea del Sud.

Il servizio consente ai viaggiatori in attesa dei treni di ordinare online prodotti alimentari e no-food semplicemente fotografando con il proprio smartphone il codice QR (quickresponse) collocato a fianco dell’articolo prescelto.

Ogni prodotto selezionato viene inserito in uno shopping basket che viene poi trasformato in ordine alla fine del processo di acquisto; il consumatore indica l’orario di consegna e Homeplus provvede al recapito, se possibile nello stesso giorno.

L’implementazione del servizio non ha comportato particolari difficoltà dal punto di vista tecnico: su alcune pareti delle stazioni sono stati applicati dei pannelli retroilluminati con le immagini dei prodotti disponibili per lo shopping, ognuno dei quali contrassegnato da un codice bidimensionale.

Ne è risultato una sorta di scaffale virtuale particolarmente accattivante che consente di combinare due strategie: trasformare il tempo di attesa in tempo di shopping da un lato e sfruttare la crescente propensione dei consumatori verso gli acquisti in modalità mobile dall’altro, tendenza oltremodo favorita dal mercato coreano nel quale sono attivi più di 10 milioni di smartphone.

I risultati dell’operazione sono stati particolarmente premianti per Homeplus: nei primi tre mesi dal lancio le vendite online sono cresciute del 130% e il numero degli utenti registrati è aumentato del 76%.

Questa campagna ha vinto tre award (marketing, pubblicità e comunicazione) al recente Festival della Creatività svoltosi a Cannes”.

Questa è la dimostrazione che una idea apparentemente semplice può trasformarsi in un successo planetario, con potenzialità di sviluppo enormi.

Ecco il video di presentazione del progetto:

Tesco: Homeplus Subway Virtual Store

(Foto: realta.aumentata)